Archivio per febbraio, 2011

Riflessione matematica

Pubblicato: febbraio 26, 2011 in Di Tutto e di Più

… in ogni equazione le parentesi vanno sempre chiuse …

Annunci

Il Buon Umore

Pubblicato: febbraio 23, 2011 in Di Tutto e di Più

Buon Umore!
Ormai sono due o tre settimane che vivo con il Buon Umore.
Lo si nota, perkè non scrivo più cose tristi, le canzoni malinconiche che ascolto mi ispirano solo coreografie e non brutti ricordi, e poi i miei occhi ridono e sono verdi verdi!
Si, ho notato ke qnd attraverso i periodi più negativi anche i miei occhi cambiano e diventano piccoli e scuri, quando invece sono sereno li vedi belli grandi e verdissimi. Ieri sera nonostante 5 ore di lavoro e la stanchezza erano li più verdi ke mai e quando li ho visti così, ho sorriso e mi sono detto “che bello, è tanto ke non stavo in qst modo!”.
A cosa è dovuto? Allo star bene con se stessi e con chi mi circonda.
A casa con le ragazze ormai si ride continuamente, scherzi, foto, giochi e battute…. sempre la voglia di stare insieme e star bene. Svegliarsi sapendo ke nell’altra stanza c’è una persona ke ti vuole bene e che ti è sempre vicina, serve tantissimo, ti fa sentire a casa, anche se questa non è casa tua.
Con il lavoro le cose vanno alla grande. A Magliano la mia Scuola cresce…. nuovi allievi e nuovi progetti… ho persino fatto la riunione con i genitori ed erano quasi tutti presenti: un successo! Tutti li ad ascoltare il “maestro” e poi la frase di alcuni “Mino, noi ti conosciamo e ci fidiamo di te, non ci hai mai deluso…” rincuora e ripaga i tanti sacrifici ke si fanno e ke ho già fatto.. Saggio deciso…. Gara imminente…. costumi… tecinica… passione…. tutto ciò ke sogno ora ce l’ho!
A Lecce il gruppo lavora bene, domenica parteciperemo anche ad una gara e dopo i primi problemi il Gruppo lavora unito e di buon umore. Ci tengono molto alla Danza e finalmente lo percepisco…. A Nardò, a parte le assenze, grandi problemi non ci sono… anzi migliorano a vista d’occhio e la passione inizia a vedersi, non in tutti, ma in alcuni noto già quello sguardo ke in pochi possono avere. E poi Trepuzzi , le mie signore! Io le adoro, le amo!
A dirmi continuamente “Grazie”… “”Bravissimo”… “Noi ti vogliamo bene, sei un figlio per noi”… “Ti auguriamo il meglio”…. ti danno e ti caricano di quella energia pulita e positiva che non ho mai trovato. La mattina anche se mi sveglio presto, non mi pesa, al sol pensiero ke le rivedrò e di ciò ke mi daranno… io le avvicino al mondo del Fitness, loro al Buon Umore. Davvero, e chi se lo aspettava.!
Per il resto sto bene.
Venerdi ho fatto un esame: 30…. e soprattutto meno 4 alla meta.
Le parole dei prof: “Mino, datti una mossa, sei bravo, forza!” mi hanno rincuorato anche sul quel versante ke avevo tralasciato un pò….
Amici, pochi ma ottimi.
A che serve accompagnarsi di tanta gente se poi non sai di cosa parlare?
Meglio pochi, pochissimi, quelli ke parli e nemmeno ti accorgi che le ore sono passate.
Amici, quelli ke non vedi da 10 giorni ma ti ci senti sempre…. anche con uno squillo… perkè ci si cerca…
Amici persi, quelli ke ti promettevano e poi ti hanno deluso…. ma che serve ricordare tutto ciò? Avranno fatto le loro scelte… contenti loro,…. in fondo ognuno raccoglie ciò ke semina…. cari contadini ditemi poi se da voi arriverà mai la primavera…. ma quella vera….
Le cose un pò turbolente con i miei genitori…. ma lasciamo stare… non sono mai stato un figlio modello, lo so… e sinceramente a 26 anni non lo potrei diventare… un quadro quasi completato deve essere terminato non cancellato…. anche se non piacerà al pubblico merita anche lui la sua conclusione.
E insomma tutto ok…
Love? no grazie… sto bene così… flirt…. corteggiamenti… battute….situazioni fuori dal limite…. mi piace qst ora…. impegni, innamoramenti, storie… per ora no…. per ora non cerco nulla… nulla ke mi possa turbare… nulla che possa oscurare i miei occhi verdi… e l’Amore troppe volte toglie la luce al nostro sguardo… Quindi per ora ci rinuncio senza problemi, senza preoccupazioni e rimorsi…. quel ke verrà verrà….
Io sono qui, felice di me stesso e del mio piccolo mondo.
Mi basta quello che ho.
Mi basta avere i miei occhi verdi verdi!

Come io ti vorrei

Prendimi come il Cielo imprigiona il suo Sole.
Toccami come il Contadino che onora il suo primo Frutto di stagione.
Accarezzami come un Poeta fiero fa con il suo Scritto.
Catturami come la Notte fa con le sue Stelle.
Sorprendimi come la Pioggia in un Deserto.
Parlami come fa un Violino a un Pianoforte.
Guardami come un Pittore che ammira la sua Musa.
Leggimi come una Maestra che racconta le Favole.
Baciami come la Mamma che guarda per la prima volta il suo Figlio.
Parlami come la Confidenza fa con l’Intimità.
Cantami come le Sirene che ammagliavano i Marinai Greci.
Cercami come chi ha smarrito nel buio la Strada di Casa.
Desiderami come il Sonno pretende il Riposo.
Inseguimi come il Mare fa con le sue Onde.
Sgridami come un Padre che difende sua Figlia.
Liberami come il Vento che sposta le Nuvole.
Accompagnami come l’Ombra che non abbandona mai il suo Padrone.
Stringimi come la Corda che protegge il Trapezista.
Cullami come i Sogni fanno con gli Artisti.
Proteggimi come fa l’Albero con le sue piccole Foglie.

Amami come se fosse l’ultimo respiro della nostra Vita.
Amami come se nulla potesse disturbare i nostri passi.
Amami come se fosse l’unica Promessa che io ti chiedo .

… sei la solita illusione ma…

Pubblicato: febbraio 17, 2011 in Di Tutto e di Più

Folle gioco

Pubblicato: febbraio 17, 2011 in Di Tutto e di Più

Folle gioco quello che si può fare con il fuoco.

Ci si può riscaldare durante le notti fredde di inverno.
Ma ci si può bruciare e farsi delle dolorose ferite.
Può far luce dove c’è la paura del buio.
Ma può mostrarci al nemico quando siamo nascosti nell’ombra.
Può accendere dolci e romantici momenti.
Ma può anche essere protagonista di serate stravaganti e fuori dal limite.

L’importante è saperlo usare.
Il Fuoco può dar piacere o far male.
Sta a noi scegliere….

604 km per staccare la spina

Pubblicato: febbraio 15, 2011 in Di Tutto e di Più

E così sono tornato dopo quattro meravigliosi giorni a Roma.
Ci voleva.
Anzi lo dovevo fare per far respirare un pò Cuore e Cervello.
Cosa ho fatto e combinato nella Capitale?
Di tutto e di più.
Con la mia carissima Mescia, cioè la Francesca che non smetterò di ringraziare per ospitalità, gentilezza ma soprattutto per la nostra bellissima amicizia, abbiamo girato quasi tutta Roma in soli due giorni.
Colosseo, Fori, Altare della Patria, castel Sant’Angelo, Trastevere, Piazza di Spagna, Campo di Fiori ecc ecc ecc.. abbiamo visto tutto e immortalato con la bellezza di 545 foto! Roma è bellissima e lo sapevo, ma ci sono andato con tutto l’entusiasmo ke avevo nel cuore e ogni cosa mi sembrava una vera e propria meraviglia.
Cultura, Storia e Bellezza descrivono queste strade e queste mura.
Le risate non sono mancate, le figure sempre di più….
Sono stato benissimo.
Ho dovuto superare anke la fobia delle scale mobili nella metro…
Ho rivisto dopo due anni due vekkie amike, sia la Martina ke Silvana trascorrendo momenti piacevoli.
E poi il Musical “La Bella e la Bestia” un capolavo ke ha accesso desideri oramai nascosti e lontani.
Vedere quei ballerini, attori e cantanti così bravi, così belli, così felici per quello ke fanno mi hanno fatto ricordare cosa volevo fare da grade qualke tempo fa…. e forse forse quei desideri sono ancora vivi—
E poi ieri, in Accademia.
Un sogno, tutti quei ballerini, quei maestri, quelle lezioni.
Io ero li e mi sentivo a casa nonostante non conoscessi niente e nessuno.
Quelle due lezioni mi hanno fatto emozionare.
Il sudore, il fiatone e il senso di smarrimento perkè non riuscivo a far tutto mi hanno emozionato, mi hanno fatto ricordare ke si, sono un insegnante ma prima di tutto un ballerino.
La danza ke è il mio unico amore vero è stata protagonista non solo di qst mini viaggio ma proprio nel giorno di San Valentino, giorno dedicato a ki o cosa si ama…. quindi giorno migliore non potevo dedicare a lei, ke è l’unica a farmi stare bene.
604 km per dimenticare.
Dimenticare il passato e ormai sono sicuro che ce l’ho fatta, al punto ke simbolicamente ho cancellato tutti quei messaggi ancora sul cell.. cancellare quelle tracce era la dimostrazione per me nel dire “ok, è finita”
Dimenticare i casini odierni… perchè a volte si è stanchi di lottare sempre, di convincere, di far capire chi si è e cosa si può dare, a volte preferisco mollare la presa e cadere a terra…. per poi rialzarmi quando sarò davvero pronto e per chi se lo merita.
Dimenticare per qualke giorno i miei stress… allievi, gare, vestiti, esami, esibizioni, orari…. e ricordarsi ke ci sono io prima di tutto con tutta la voglia di scoprire cosa c’è intorno a me…
604 km dedicati a un sorriso perenne sul mio viso….

E poi ritornare… troste, fin troppo…
Innamorato di roma e di ciò ke rappresenta…
Stanco di troppe cose ke si ripetono….
Pieno di speranze e aspettative… non illusioni….

Un viaggio bellissimo…. 604 km ke mi hanno davvero lasciato qualcosa nel Cuore….
Ed ora si ricomincia qui… buona fortuna Mino….

…. su qst treno…

Pubblicato: febbraio 11, 2011 in Di Tutto e di Più

… Su qst treno, direzione Roma, mi lascio tutto quello che mi è successo in questi ultimi due anni alle spalle…
Si… saranno solo quattro giorni, quattro stupidi e pieni giorni, ma io ci credo…
Io voglio cancellare tante cose…
Io voglio andare avanti…
Io voglio stare solo sereno…

Vado lontano da tutto e tutti…
Adesso ci sono solo io…
Buone vacanze Mino….e incrociamo le dita (non si sa mai!!!)

Citando

Pubblicato: febbraio 11, 2011 in Di Tutto e di Più

Quando anke un film frivolo ti fa riflettere….

Christina: “… Sono un’idiota… parlo con un tale per 2 minuti, mi metto a correre lì dietro come se fosse una persona speciale”…
Courtney: “Forse che volevi una persona speciale per una volta, forse ti sei resa conta che sei stanca di giocare”…
Christina: “tu sei stanca di giocare?”…
Courtney: “si, ma andiamocene a casa….”

…..

Come un fiore

Pubblicato: febbraio 10, 2011 in Di Tutto e di Più

Nel prato tutti i fiori sono protagonisti.
C’è il Giglio, la Rosa, la Margherita, la Viola. Tutti i fiori sono belli e danno quel senso di purezza e fascino come poche cose al mondo.
Le api ogni giorno partono dal loro nido alla ricerca del nettare più gustoso, più bello, più prezioso.
Ogni fiore dona il suo profumo e il suo colore.
Ogni fiore è degno di essere amato e ammirato e le api conoscono benissimo i loro fiori.
Un giorno all’alba, l’ape più anziana accompagnò la nuova recluta dell’esercito della Ape Regina. Voleva starle vicino e insegnarle tutto quello che aveva imparato in tanti anni di servizio e amore.
Volavano, la piccola ape era felicissima, piena di orgoglio per il nuovo lavoro e incuriosito scrutava il suo bottino da prendere. L’ape più anziana notava tutto questo entusiasmo nel piccolino e iniziò a dirgli: “allora giovanotto cosa vuoi fare?”
“Voglio prendere tutto il nettare di queste meraviglie! Voglio conoscerle tutte, voglio essere il più goloso delle api. Voglio amare questi fiori come essi meritano!”
L’anziano rispose: “ Ape piccola però stai attenta. A volte la Natura è beffarda e bugiarda. Ci illude senza neanche darci la possibilità di capire.”
“Ma perché dici questo anziano? Come può la Natura che crea così tante bellezze farci anche del male? Come può colei che crea questi fiori, queste opere d’Arte, poi dirci una bugia?”
L’Ape anziana abbracciò con le sue ali la piccola, per darle quel conforto che un giorno, davanti alle delusioni, la più Giovane cercherà disperatamente e con voce bassa le disse: “tu piccola, sorridi alla Vita e cerca la felicità in ogni angolo del Mondo, ma ricorda, ogni fiore, prima o poi appassisce…”

Di Mino Bianco

E ti accorgi ke cambi

Pubblicato: febbraio 9, 2011 in Di Tutto e di Più

“…. Mi sto facendo un pò di posto
e che mi aspetto chi lo sa
che posto vuoto ce n’è stato ce n’è ce ne sarà….”

… eh si… passa anche il Tempo, ma alcune cose sono come un rewind….
Ma ora sono io a essere cambiato….
Si anche qst notte, per l’ennesima volta, io ho capito che sono un Uomo diverso, maturo, razionale.
Forse non sono più un ragazzino, forse inizio a sentirmi un Uomo.
Perchè le illusioni le abbiamo messe nei cartoni, le schiocchezze nel pozzo, e le stupidaggini nella spazzatura.
Ora mi voglio bene, e so capire quando dal Treno che corre devi scendere, anche al volo, perchè la stazione successiva è molto più confusa di quella che hai ora davanti.
E allora, vai, si continua così… senza timore, a testa alta, e con in cuore la consapevolezza di essere diversi, migliori di quello ke si era prima… gli errore del passato allora sno serviti a qualcosa….
E come sempre, mi guardo allo specchio ma questa volta i miei due occhi sono fieri e orgogliosi, finalmente iniziano a vedere un Uomo, non più un bambino….

Notte matura la mia