Archivio per marzo 8, 2011

Oggi ero lì, in quella chiesa.
Le lacrime erano già pronte a scendere fin da subito.
Non è giusto.
Tutto quello ke è successo è così crudelmente ingiusto.
Immedesimarsi in quel dolore è stato atroce.
Vedere le loro lacrime.
Sentire la storia di una malattia terribile.
Ammirare quella donna, che prossima alla morte, chiedeva scusa agli infermieri perchè occupava una sala di ospedale non prevista per lei.
Abbracciare quell’amico e cercare di trasmettergli tutto il bene e il conforto necessario per farlo stare meglio.
Ricordare quella dolce signora, mamma, sempre gentile, col sorriso sul viso, a fare mille complimenti per gli spettacoli, a portarti da mangiare in villaggio, e poi mi ricordo quel “ragazzi resistete, ce la farete”….
Ritornare al presente, vedere quella scatola di legno con dentro una mamma, una figlia, una donna ancora troppo giovane.
Odiare la morte con tutto me stesso.
Dubitare anche un pò sulla fede.
Avere paura.
E poi guardarsi attorno, circondato da lacrime, le mie e quelle della gente tutta commossa per una fine così tragica e ingiusta, e pensare, a quante volte ci si lamenta inutilmente senza rendersi conto di quanto davvero siamo fortunati.

Un pensiero va solo a te, ke da lassù tu possa continuare a proteggere i tuoi cari.
😦

Annunci