Un altro traguardo raggiunto

Pubblicato: marzo 20, 2011 in Danza, il mio unico e vero amore

Per chi, come me, si è dovuto costruire da solo, giorno dopo giorno, anno dopo anno, contro tante persone e tanti “no”, arrivare a un traguardo è sempre una soddisfazione piena di orgoglio e autostima che ti fa capire che qualcosa di buono la sto costruendo in questa vita.
Se nove anni fa, quando ho iniziato a ballare, qualcuno mi avesse kiesto “ma fra dieci anni come ti vedi?” mai avrei detto ke la mia ragion di vita sarebbe diventata proprio la Danza.
Amavo ballare, imparare, studiare le coreografie, “fare la spaccata”, ma era ancora solo un hobby, si caro e prezioso visti i tanti sacrifici ke facevo per pagarmi le due scuole ke frequentavo, ma pur sempre qualcosa ke era in più al resto. Un di più, non IL .
Poi arrivato a Lecce, fermai già gli studi con la danza e mi misi subito a insegnare…. iniziai l’università, la priorità della laurea, la voglia di essere “dottore”, il desiderio di essere in casa il primo con il Tocco in Testa… e ce l’ho fatta… con la felicità e le lacrime dei miei genitori. Avevo quella pergamena in tasca e la soddisfazione di essere un laureato…. eppure lei iniziava a insidiare pensieri strani nella mia mente…
Da li, la pausa agli studi… il mio anno sabbhatico… i miei unici tre provini… un sogno quasi sfiorato… la gente ke mi incitava a continuare a provare… le prime scuole che ti chiamano a insegnare… e silenziosamente negli ultimi tre anni la mia vita si è capovolta…
Sono cambiate le priorità, i sogni, i desideri, le aspettative…
Già il titolo di questo blog fa capire qualcosa… quando è nato, quattro anni fa io ero Mino il Ballerino… e oggi.. forse dovrei cambiare il suo titolo…
Le scarpette non sono ancora appese al chiodo ma stanno già a terra, sotto quel chiodo… eh si… dieci anni fa non avrei mai e poi mai creduto ke a 25 anni io potessi essere il “maestro”…
Avere una propria scuola di danza… collaborare con altre due…. Seguire un gruppo di vispe signore e poi, come oggi, arrivare a fare il Mio Primo Stage.
Magari l’insegnante che oggi mi ha invitato a fare lezione presso la sua scuola non si poteva rendere conto di quale grande soddisfazione mi stava regalando…
Io, Mino, un ragazzo di 25 anni, ke silenziosamente si fa i cavoli suoi con i suoi allievi, fregandomene di competizioni, rivalità o proprio del lavoro altrui, ke vengo invitato a preparare una coreografia in una scuola di non mia pertinenza.
Anni fa, quando ero solo un allievo e frequentavo gli stage vedevo quell’insegnante con ammirazione e rispetto: era arrivato nella sua carriera a essere invitato da altri maestri grazie al suo talento e al suo lavoro.
E quando oggi sono uscito da quella sala, mi sono ricordato di questo frammento del mio passato e ho pensato “chissà se oggi quelle ragazze mi avranno visto allo stesso modo”.
In tanto riflettere però la serenità e la felicità rimane li, bella forte, zitto zitto, quatto quatto ho raggiunto un altro traguardo.
Il primo era ballare… il secondo aprire una scuola..il terzo fare un mio saggio… e ora aggiungiamo anche qst.
Eh si… quel diciotenne ke iniziò a ballare, contro mamma e papà, contro il paese bigotto, e contro i suoi stessi pregiuduzi, non poteva sapere ke stava iniziando la storia d’amore più bella e più lunga della sua vita.
E oggi, un’altra bella pagina in questo album di ricordi è stata scritta…
Perchè oggi non è un di più ma è Tutto quello che ho.
La danza.

Un altro traguardo raggiunto, e i miei occhi brillano di orgoglio 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...