Archivio per luglio, 2011

Voglio!

Pubblicato: luglio 31, 2011 in In Love

Dimenticare…
Come cavolo si fa?
Che qualcuno me lo dica!!!!!!!!!!!!!
Ti distrai dalla mattina alla sera.
Provi a fare nuove conoscenze.
Ridi, scherzi e cerchi di avere la mente più allegra che si può.
Te ne vai al mare ogni santo giorno.
Balli, cinema, comitive, alcool… estate…
Agli occhi di tutti e ai tuoi sembri una persona serena e spensierata….
Poi arriva la notte, e quando non puoi comandare la tua anima lei decide che fare.
Rifletti, ti addormenti e nei tuoi sogni compare sempre il medesimo ricordo.
Ho letto da qualche parte che i sogni sono i desideri che il subconscio vorrebbe avere.
Come convincere qst subconscio a cambiare aria, direzione, via???
Dimenticare.
Si, forse è qst quello che voglio.
Non è possibile che dopo tanto tempo sia così impresso qst ricordo in me.
Non è più ammissibile!
Non si possono sprecare giorni, speranze e desideri per ciò che non c’è…
Non me lo merito.
Voglio essere sereno, allegro e spensierato. Voglio incrociare altri due occhi senza sentirmi in colpa.
Voglio sfiorare altre due labbra e dirmi che ce l’ho fatta.
Voglio innamorarmi, molto di più di quanto lo sono già stato…
Voglio essere amato come Dio comanda!
E soprattutto non voglio più sperare, perchè non ci credo più.
Quando cazzo arriverà quel Futuro che farà più rumore del Passato…
perchè qst Passato lo sto così tanto idealizzando? desiderando?
Perchè ???
😦

Annunci

Basta follie, mio povero Catullo,

l’acqua passata non può tornare indietro.

Giorni radiosi hai vissuto un tempo,

quando solevi seguirla a ogni passo,

da te amata come nessuna sarà mai amata.

E si facevan quei mille dolci scherzi

che tu volevi e lei non rifiutava.

Giorni radiosi hai vissuto un tempo!

Ora li rifiuta: tu, pazzo, fa altrettanto

e non seguire, invano, chi fugge,

fuggi piuttosto del viver la tristezza

e tieni duro, su, fatti più forte.

Addio, fanciulla. Ormai Catullo regge,

non ti verrà, supplicante, a pregare…

… siamo strani…anzi sono strano…
Perchè ci manca sempre quello che non abbiamo?
Perchè non siamo mai soddisfatti delle nostre mani mezze piene?
Perchè desideriamo sempre quello che ancora ci manca?

Eppure la mia Vita è così piena e non dovrei mai sentirla vuota o incompleta.
C’è prima di tutto la Danza ke violenta le mie giornate con il suo amore.
Ho tanti amici e conoscenti pronti a regalarmi distrazioni e serenità.
Ho una famiglia legata e attenta a me e al mio cammino…
Ho i miei ragazzi e il loro immenso affetto sempre dimostrato con piccoli e grandi gesti…
Lavoro… e ringrazio Dio per avermi dato tante possibilità..
Certo non mancano i problemi e i pensieri negativi… anzi …. oggi per esempio mi sono allenato un pò… e mi sono montato un assolo da fare allo spettacolo del sette agosto… eppure capivo da me che non è più come prima… ballavo e avevo paura di farmi male… ad ogni salto, giro, cambio di peso ero lì a controllare la mia gamba ke non mi tradisse… ero li a guardarla e pregare affinchè non succedesse nulla di male a lei… forse davvero non sarà più come prima… ma come ho detto ad un amico, un ballerino non può tradire il palco… ed io ahimè sono un ballerino e quel giorno voglio volare su quel palco, per me, per i miei allievi e per il mio pubblico…

Nonostante tutto ciò, rifletto e vedo cosa manca… lo percepisco… e soprattutto ne sento la mancanza.
Non aver un punto di riferimento.
Non aver quelle mani ke ti stringono senza chiedere nulla in cambio.
Non aver quell’abbraccio ke solo l’amore ti può dare…
Non avere quei due occhi che ti capiscono senza parlare…
E forse in un periodo difficile come qst tutto ciò mi servirebbe molto di più….
Ma ora come ora continuo a far finta ke tutto vada per il meglio…
Preferisco prendere il pennello e colorare qst giornate, di giallo, rosso, verde e blu…
In fondo pensare solo al nero, non servirà a colorare le giornate…

In questi due mesi di paure, ansie e angoscie ho capito sempre più cosa è la mia vita.
La mia esistenza è legata in modo inesorabile a te.
Se mi guardo allo specchio non riesco a immaginarmi senza il tuo tocco, il tuo abbraccio.
Le mie mani e le mie gambe non sono più mie, ma tue.
Se chiudo gli occhi e penso al Futuro ho davanti a me l’unica cosa che mi ha sempre reso felice e lo farà ancora.
Mi hai fatto piangere, mi hai fatto del male, mi hai ferito.
Mi hai protetto, mi hai rincuorato, mi hai fatto gridare.
Ho tremato di paura e di adrenalina assieme a te.
Ho riso grazie ai nostri successi e alle nostre soddisfazioni.
Ho pianto quando hanno provato ad allontanarmi dal nostro amore.
Ho visto il sangue delle mie ferite versato per te.
Ho ammirato i tuoi vestiti, i tuoi trucchi, le tue luci.
Ci siamo emozionati insieme su un palco.
Ci siamo commossi davanti ai nostri allievi.
Ho stretto i denti quando una gamba mi faceva male.
Ho urlato grazie ai tuoi movimenti buttando tutta la rabbia che avevo nel cuore.
Mi hai migliorato, mi hai reso quell’uomo che sono oggi.
E ora che delle parole scritte su un foglio provano a staccarmi dal tuo abbraccio, io, contro il Destino, contro la Scienza e la Razionalità, continuo… continuo a farmi violentare dal tuo amore e dal mio …
Perchè ti amo così tanto che darei la mia Vita per te…

…danza…

… a poche ore la paura inizia a farsi sentire…
“niente paura” canta Ligabue ed io me lo sto ripetendo.
Ce la farò, anche qst volta…
Non si può dire ad una farfalla di non volare…
Intanto incrocio le dita e prego Dio…
Domani non sarà un giorno qualunque…

In questo periodo di cambiamenti e di punti da mettere in troppe frasi, ci si ferma e si razionalizza le esperienze vissute, da quelle più lunghe alle più brevi.
Un punto arriva sempre quando la frase ha un suo senso compiuto e si può continuare a scrivere altro, anche un nuovo libro. Certo ci sono libri lunghissimi come le enciclopedie che hanno continuamente bisogno di aggiornamenti e non puoi fermarti a scriverli… e fortunati sono coloro che non si stancano a scrivere sempre sulle stesse pagine…. ma poi ci sono libretti molto più corti… lunghi anche solo una frase e poi stop. Anzi Punto.
Ecco, diciamo che è giunto il momento di mettere questo bel segno in più situazioni… lavoro, amore, amici, salute.
Ahimè come spesso accade la penna per mettere il punto me l’hanno data gli altri, quindi diciamo ke diventa una chiusura forzata ma consapevole.
La vita va talmente veloce che non ci possiamo permettere di stare fermi per troppo tempo…
Il mio difetto di continuo è stare fermo e dare tempo agli altri per rubarlo a me stesso.. e penso che molta gente come me fa così, perchè crede nella speranza, nella seconda e terza chance… ma ragazzi destiamoci : chi ci vuole ci prende, subito, senza farci scappare… e non parlo solo di sentimenti, ma anche di lavoro, amici…
In questi giorni dove vedo tutto capovolgersi continuamente… in questi giorni in cui non riesco a vedere con stabilità quello che succederà avanti e dopo di me…. in questi giorni dove cambiano sempre priorità e punti di riferimento, l’unica cosa che rimane ferma sono io…
E non è poco..
Un albero parte dalle sue radici… se queste solide allora tutto l’albero crescerà bene, alto, verde, con frutti e fiori… se le radici non sono buone, in poco tempo il contadino deciderà di potare la pianta… allora miei cari ragazzi ke seguite il mio blog, salviamo le nostre radici, noi stessi… meritiamo sempre e comunque il meglio….
Prendiamo la rabbia e il rancore e trasformiamoli in rivincita.
Prendiamo le delusioni e facciamole diventare spade che ci possano proteggere.
Prendiamo la speranza e facciamola diventare una piccola guida.

Dicono ke la convinzione fotte la gente, me ne frego… io sono convinto di una cosa:
SARò IL RIMPIANTO PIù GRANDE DELLA TUA VITA, te lo prometto!

Faccia da Puttana?

Pubblicato: luglio 18, 2011 in Di Tutto e di Più

Ok, io mi sono appena svegliato…
Ho fatto colazione, se colazione si può kiamare un tazzone di caffè… sono rientrato nella mia tana (la mia stanzetta leccese), accendo il computer… libero…. il mio blog…facebook… due messaggi privati…
“Chi sarà mia questa volta?”
Sono settimane che ricevo messaggi privati…
Bene , vedo, due persone ke non conosco…
Primo Messaggio ” quanto sei carino, ci conosciamo?” -.-”’ (miopi ce ne stanno in giro)
Secondo Messaggio “complimenti alla mamma”… (dovrei dirlo a mia madre, perkè in casa sapete che diceva? che io ero il figlio simpatico, e mio fratello il figlio bello!” quasi quasi la teoria non funziona più)
Poi , memore delle ultime provacozioni ricevute, vado a spiare le situazioni sentimentali di codesti messaggi, entrambi “Fidanzato/a ufficialmente”…
Poi chiedi la conferma…. ed è vero… -.-”’
Ok… visto ke non è la prima volta ke succede… inizio a chiedermi: “ma ho la faccia da puttana? da amante?” Toccu nell’ultimo mese mi sarà successo non so quante volte…Ok che mi voglio divertire ma non a discapito di coppie o storie già consolidate…
In passato l’amante l’ho fatto… e non me ne vergogno…
E’ una situazione di comodo, ma che fondamentalmente non ti lascia niente….
Non hai obblighi, doveri, impegni…. e nemmeno diritti…
Si è sempre i “secondi” ad ogni cosa… e sinceramente non credo che ne valga la pena….
Essere solo la tentazione può divertire un pò… ma poi come dice un film a un certo punto “ti stanchi di giocare”…
Certo nel mio passato una volta mi è andata bene, perkè da amante sono diventato il Fidanzato Ufficiale per tre anni e mezzo in casa con tutti gli annessi e connessi, ma poi vedo l’ultimo casino che mi ero creato tempo fa … si e no tre settimane durò con tutte le conseguenze nefaste….
None, non ne vale la pena… cioè se vuoi solo la scopata perchè rovinare una coppia?
Certo anke qst gente fidanzata che con tanta no-chalance non si fa problemi… mah…. adesso qualcuno direbbe “da che pulpito!”…. ed ha ragione, ma col senno di poi capisci e razionalizzi gli errori…
Poi dici “vatti a fidanzare!”…. uahuahuahuah….
Fatto sta che la mia faccia o suggerisce la parola “Amante”… “Puttana” o non so proprio…
Che poi in fondo in fondo lo devo ammettere mi piace sta cosa… almeno l’autostima si rafforza in qst periodi, come dire, di “zitellagine forzata”… ihihih…
Vediamo ke succede nel Tempo… male ke vada mi apro una casa chiusa e mi faccio tre soldi con qst faccia… uahuahuah….

Ho sentito che tu
hai trovato una ragazza
e adesso
sei sposato
ho sentito che i tuoi sogni sono avverati
credo che lei ti abbia dato cose
che io non ti ho dato
vecchio amico
perchè sei così timido
non è come trattenersi
o nascondersi dalla luce
Odio saltarmene fuori quando non sono invitata
ma non potevo stare lontano non ho potuto farne a meno
Speravo che avresti visto la mia faccia e ti saresti ricordato
che per me
non è finita!
Non ti preoccupare
troverò qualcuno come te
Ti auguro solo il meglio
anche per te
non ti scordar di me
Ti prego
Ricordo che hai detto
a volte l’amore dura
ma a volte, invece, fa male
a volte l’amore dura
ma a volte, invece, fa male
yeah
sai come il tempo vola
solo ieri
erano i momenti più belli della nostra vita
siamo nati e cresciuti
in una foschia estiva
trattenuti dalla sorpresa
dei nostri giorni di gloria
Odio saltarmene fuori quando non sono invitata
ma non potevo stare lontano non ho potuto farne a meno
Speravo che avresti visto la mia faccia e ti saresti ricordato
che per me
non è finita!
Non ti preoccupare
troverò qualcuno come te
Ti auguro solo il meglio
anche per te
non ti scordar di me
Ti prego
Ricordo che hai detto
a volte l’amore dura
ma a volte, invece, fa male
niente a confronto
nessuna preoccupazione o problema
rimpianti ed errori
e ricordi
Chi l’avrebbe detto
che sarebbe stato dolce-amaro
questo sapore
Non ti preoccupare
troverò qualcuno come te
Ti auguro solo il meglio
anche per te
non ti scordar di me
Ti prego
Ricordo che hai detto
a volte l’amore dura
ma a volte, invece, fa male
Non ti preoccupare
troverò qualcuno come te
Ti auguro solo il meglio
anche per te
non ti scordar di me
Ti prego
Ricordo che hai detto
a volte l’amore dura
ma a volte, invece, fa male
a volte l’amore dura
ma a volte, invece, fa male

Non è colpa sua

Pubblicato: luglio 13, 2011 in Black Time

… Basta davvero poco per riaccendere ricordi, pensieri e nostalgie…
Così come basta poco per cancellare tutto quell’entusiasmo che ti invade da un momento all’altro.
Il potere delle parole è talmente grande che una sola frase può cancellare sei ore di sorrisi e complicità.
Non è colpa sua.
Tanto meno non è colpa mia.
Semplicemente bisogna scoppiare queste bolle di sapone che si formano attorno, sicuramente belle da vedere, ma talmente finte che con un solo dito le si può distruggere.
Cosa imparare da queste sei ore?
Che indietro non si può tornare…
Che è magico poter fissare altri due occhi e perdersi nei pensieri e nelle fantasie…
Che due mani che si sfiorano fanno provare emozioni che difficilmente si possono descrivere…
Che abbiamo un cuore che deve battere, non solo per paure e ansie, ma anche e soprattutto per amore…
Che c’è la voglia di essere felici, non da soli…
Mettiamo anche queste sei ore nella scatola dei ricordi bellissimi che abbiamo, memore degli insegnamenti ricevuti…
In fondo ci credo ancora: prima o poi arriverà un Futuro che farà più rumore di questo Passato…

… intanto aspetto con in mano questa scatola…

In questi giorni è la riflessione che sto facendo più volte e su varie questioni nella mia testolina.
A me, fortunatamente, dicono spesso di essere una persona “speciale” e ogni volta me ne rallegro…
Speciale… che significa?
Secondo me in qst termine ci sono vari sentimenti che si confondono e si mischiano fra loro: la lealtà, il rispetto, la responsabilità, l’affetto, la stima, la precisione, il conforto, la solidarietà…
Siamo speciali con tutti?
Non credo…
Una persona intelligente dovrebbe saper fare le dovute differenze fra le persone che si ritrova davanti.
Non tutti possono meritare lo stesso nostro comportamento…
Trattare tutti in modo eguale sarebbe poco rispettoso e giusto per chi magari da anni ci accompagna nel nostro cammino senza riconoscerli i sacrifici di un rapporto che si costruisce con costanza e impegno… cosiccome non bisogna disprezzare la fiducia e la speranza di chi si è appena avvicinato a noi, che nella mischia e nella confusione ha scelto di avvicinarsi proprio a te…
Eppure nonostante tutte queste consapevolezze perchè riceviamo sempre delusioni?
Perchè si da fiducia a chi la vuole perdere una due tre quattro volte?
Perchè da chi meno ce lo aspettiamo riceviamo qualche pugnalata?
Perchè proprio a chi diamo tutto in modo incondizionato, poi ci toglie tutto quello che abbiamo dato, persino con aria cattiva e superba?
Le risposte non ci sono.
Le delusioni servono solo a questo: a lasciarti a bocca aperta, facendoti assaggiare quell’amaro che difficilmente si può dimenticare….
Io di delusioni ne ho avute abbastanza… tempo fa ci stavo male, anche troppo, mi chiedevo i tanti “perchè”, inseguivo le persone per capire, capirle e capirmi…diventavo pettegolo e maligno per reagire al dolore causato, spiavo chi mi faceva del male per tener sott’occhio cosa combinava, volontariamente fraintendendo tutto ciò che dicevano e facevano per aver la scusa di parlarne… ci stavo male, nascondedelo dietro un finto cinismo…
A 26 anni la storia è ben diversa…
Da un paio di anni alle poche delusioni vissute (solo perchè si da poco a tutti) si reagisce col menefreghismo e l’egoismo… “chi ti toglie il sorriso non ti merita”, qst è la mia convinzione che mi permette di superare difficoltà e ostacoli …
Certo la bocca aperta rimane sempre, ma ho imparato a chiuderla subito, sai, per non sentire quell’amaro di cui parlavo prima… e allora quando vedi gli amici sparire nel nulla dici: vabbè peggio per loro, non muore nessuno… quando un amore ti delude dici: vabbè siamo 6 miliardi al mondo, ne troveremo un altro… quando sul lavoro qualcuno fa di tutto per licenziarti dici: vabbè, ringraziando Dio il lavoro non mi manca….
Ecco forse ho imparato a essere speciale con chi voglio io…
E quello che mi è successo ieri sul lavoro non fa altro che darmene la convinzione…
Perchè bisogna essere intelligenti e furbi nella vita… ognuno tira l’acqua al proprio mulino, anche chi ti promette fedeltà e stima, soprattutto se poi ci sono i soldi di mezzo e gente talmente superficiale che guarda più al verde di una banconota che al giudizio positivo di una clientela….
Ma ora come ora basta parlarne, prendiamo atto anche di qst… di qst bella pugnalata… ma ahimè per loro, proprio dove sono stato colpito a quanto pare avevo qualcosa che mi proteggeva… forse un cuore che pian piano sta diventando sempre più duro, un pò come la pietra….
… aspettando che arrivi il momento di togliere qst involucro roccioso….

Alla fine si impara che si è speciali solo con chi se lo merita…..